Fiamma Gemella.

Fiamma gemella 1

Se leggiamo i Segni che arrivano dall’esterno, non possiamo far finta di nulla, dobbiamo accogliere e trasformare. Mi ritrovo così, dopo tante email ricevute, infinite domande, confidenze fatte al telefono, scambi  vis a vis, a parlare delle Fiamme Gemelle. Nella prima stesura del mio secondo libro “Lo Yoga degli Angeli”  era presente un capitolo destinato a questo delicato argomento. La presenza di quelle parole, vive solo nella prima bozza, mi recarono non pochi problemi, al punto di scegliere di toglierlo ed infine di perderlo definitamente nel mondo digitale. Le parole possono sparire dalla carta, possono persino auto-eliminarsi (come nel mio caso) dal pc, certo è che sono presenti nel Cuore. Svuoterò il sacco e sarò sincera fino in fondo…  Dopo aver passato molti anni ad aspettare il Principe Azzurro (perché mai poi azzurro?) e ri-conosciuto la mia Fiamma Gemella, mi ritrovo, oggi, a Sentire l’Amore per me ed aggiungo “Finalmente!”.

Levarsi di dosso i condizionamenti legati all’Amore da incontrare, sposare e fare dei figli, non è stata un’impresa facile, lunga quasi mezza mia vita. E quando credevo di aver raggiunto un equilibrio quotidiano e sentimentale, ecco apparire, dalle numerose vite passate insieme, la mia Fiamma Gemella. Se avessi saputo quali errori commettere, non sarei stata così brava, ho iniziato dal più grande, ho infranto le regole del Cielo. E sì, anche il Cielo ha le sue regole, mai dire ad un’altra Anima, cosa arriva dal Tempo infinito della Creazione. Dopo aver fatto “Bingo” al primo colpo, ignara che i miei tempi non fossero quelli dell’altro, ho accusato il colpo con la seguente sentenza: “Ti consiglio vivamente di approfondire l’argomento sulle FG, perché sei molto lontana…”. Inizia così un viaggio fatto di studi, approfondimenti e risvegli. Il risveglio più grande è stato quello del mio Sentire e lì è iniziato un nuovo cammino, fatto di ascolto, abbandono e grande consapevolezza. Sono una viaggiatrice del tempo, ORA non mi spaventa più ricordare cosa la mia Anima ha fatto in un Tempo diverso da quello attuale, o se il mio corpo abbia scelto più volte l’esperienza maschile o femminile, sono Energia e Vibro in ascolto del mio Essere. Come nel gioco meraviglioso della Creazione, vi invito a prendere in considerazione un nuovo “ruolo” per la Fiamma Gemella o il “Principe Azzurro”: loro incarnano l’Amore infinito, quello divino e sono sul nostro cammino per farci sperimentare il “PERDONO”, la “CRESCITA”, il contatto con le “OMBRE” ed il “SENTIRE”, per levarci tutte quelle corazze emozionali che impediscono al bruco di trasformarsi in farfalla. Altro compito è imparare ad amare noi stessi tanto quanto amiamo la nostra anima gemella, incondizionatamente, questo quindi prevede separazione fra le due Anime e, più si forza il tempo, più ci si allontana dalla propria Crescita. Si sperimenta così il ruolo di vittima, poi di carnefice, ci si strugge, ci si arrabbia… tutto è contrario di tutto. Ci aiuta a guardarci dentro per scoprire perché è così importante e questo ci spinge anche sul risveglio.

Tutto questo può essere semplicistico ed intenzionale a voler mettere un filtro nobile a certe esperienze, questo è il mio attuale punto d’osservazione. Grata al mio Karma, preferisco incontrare la mia FG su altri livelli o piani. Esiste una “Scuola” dove le Anime si incontrano, dialogano e danno un senso a quel “Patto di Luce” fatto, prima di Ri-tornare, dove la dualità non esiste, dove la crescita detta le Parole, le domande e le risposte. Questa Scuola è dentro di noi, è il Cuore e, come ogni muscolo più stimolato più sarà efficace nel suo compito, così il Cuore, se stimolato e sollecitato in apertura, è davvero la sede di grandi Miracoli. Non so dove sia ORA la mia FG, mi piace immaginarla a Rouen, in cerca di risposte su Giovanna D’Arco o chissà in quale parte del pianeta, non è importante frequentarsi, sentirsi… C’è quella Scuola che ci vede intente a migliorarci, a perdonarci e a sentirci internamente, i Passi della Luce, spesso, hanno tempi diversi per mostrarsi totalmente. Dopo aver divorato libri sul tema, mi piace concludere con un brano tratto da: “Avrò cura di te” di Massimo Gramellini e Chiara Gambarale, dove risuona forte questa mia piccola sfumatura sulle molteplici sfaccettature dell’Amore diamantino.

“…le prescelte. Sono anime che hanno stretto un patto antichissimo tra loro. Poniamo che una abbia deciso di incarnarsi per conoscere l’esperienza del perdono. La sua prescelta prenderà l’impegno solenne di vessarla, così da metterla in condizione di perdonare. E viceversa, dal momento che nulla nell’Universo avviene mai in un senso solo. Una situazione folle, se osservata con occhi umani. Ma, quando accetti l’idea che ogni anima si materializza in un corpo per evolvere, comprendi come le regole del gioco obbediscano a criteri non classificabili con le categorie terrene di giusto e sbagliato”.

Cinzia Onorati

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Comments (3)
  1. elisa 31 ottobre 2015
    • Cinzia Onorati 15 dicembre 2015
  2. Maria Cristina 31 ottobre 2016

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *