Saudade! Il viaggio dell’anima

Boavista, Capo Verde ©Cecilia Martino

Boavista, Capo Verde ©Cecilia Martino

La lingua portoghese custodisce una parola bellissima dalle sfumature intraducibili: saudade. Semplificando, in italiano suona più o meno come malinconia o nostalgia. Esiste una saudade per ogni viaggio, anzi per ogni cosa, per ogni cosa che vive di abbandono (Surrender), che è poi l’arte della magia.  Il “mal d’Africa”, in sintonia con gli accordi della saudade, è un accento che risuona in ogni latitudine del mondo, sconfina dai limiti di geografie da mappamondo, compenetra la pelle del viandante che abbia anche solo accennato a un inchino davanti all’oceano – qualsiasi oceano,  o sulle pieghe dorate di una duna del deserto – qualsiasi deserto, o davanti alla finestra (se c’è!) della dimora che ospita il suo passaggio, che custodisce i sogni rivelatori delle notti nomadi, quei sogni che si addormentano la sera con le stelle cadenti e al risveglio hanno le ali di un rapace gracchiante. Quelli più potenti e decisivi, perché senza appigli, che si lasciano cullare dall’ebbrezza di ciò che inizia senza durare… Come il vento caldo dell’estate, quella bolla d’aria che ti sospinge a ridosso di cieli impenetrabili eppure tutto sembra così leggero, aggraziato, evanescente.

Nello Yoga del Bardo la malinconia è la prima emozione con cui il “morente” ha a che fare ed è suo compito accoglierla, per non cadere nell’inconsapevolezza o nell’attaccamento a ciò che si deve lasciare andare (luoghi e persone amate, familiari, ricordi). Il Bardo è il transito, il passaggio dalla vita alla morte che si perpetua anche mentre si è ancora “viventi”; sono le cicliche morti e rinascite che quotidianamente accompagnano il viaggio dell’anima, succedono ad ogni respiro (inalando si assorbe prana, vita, esalando il respiro, lo si dona all’energia universale, qualcosa del nostro sé individuale muore ad ogni espirazione), ad ogni sonno e risveglio (ogni notte, addormentandoci, compiamo un Bardo), ad ogni momento cruciale della vita quando finiscono cicli e iniziano stagioni per nuove cose. E ad ogni viaggio: partire è un pò morire.

Non provare attaccamento, né paura, né attrazione, né repulsione è la chiave dell’arte del morire, e del vivere, dal momento che sono processi simultanei. Nella malinconia dell’errante non c’è nulla di tutto questo. Non c’è paura, ma coraggio. Non c’è attrazione ma seduzione, non c’è repulsione ma amorevole distanza. C’è la straziante poesia di un’anima che gode della bellezza succinta di un tramonto, o di un’alba o di un stretta di mano sul molo di un porto di mare, o di una rueda gitana attorno al fuoco tremolante di un falò accanto a una pista di atterraggio o a un autogrill. C’è la voglia di continuare il viaggio senza memoria, senza vanità, senza controllo, con tutti i simboli scolpiti nel corpo, forse qualche cicatrice in più e un diario di bordo con molte pagine bianche, perché non usa troppe parole l’amante quando fa l’amore. Fondersi con l’Anima del mondo è un urlo silenzioso che fa lacrimare gli occhi prima ancora di sapere che si sta piangendo per qualcosa, o per qualcuno. E’ non c’è gioia più maestosa di questo struggimento senza meta, senza nome, senza voglia di durare, perfino senza senso.

Immagino d’avere già vissuto nell’infinito
delle cose di questo mondo e che, a questo infinito,
ho dato i miei amori e i miei dolori

(Rabindranath Tagore)

Hakuna matata, non c’è problema, nessuna preoccupazione, andiamo avanti, va bene così, lasciamo andare, senza fretta, senza aspettative, senza stress. No stress. Capo Verde Terra de Sodade, Boa Vista no stress. Makein mushkil, no problem. Eccoli, gli unici appunti del mio ultimo viaggio, il mantra che mi ha accompagnato da Capo Verde a Marrakech, in un coacervo di lingue (creolo, portoghese, francese, spagnolo, inglese, arabo, tuareg) che alla fine ha creato un linguaggio atipico assolutamente individuale. Improponibile e irripetibile. Senza senso? Sì. Ne sono uscita fuori più morta che viva, e dunque pronta a ricominciare. E con un nuovo nome: Aisha.

Sal, Boa Vista, Malick Sow ©Cecilia Martino

Sal, Boa Vista, Malick Sow ©Cecilia Martino

È la nostalgia a nutrire la nostra anima, non l’appagamento; e il senso della nostra vita è il cammino, non la meta. Perché ogni risposta è fallace, ogni appagamento ci scivola tra le dita, e la meta non è più tale appena è stata raggiunta”. (Arthur Schnitzler)

Letture consigliate
Padmasambhava, Bardo Thodol – Il libro tibetano dei morti
Selene Calloni Williams, Mantra Madre. Le tradizioni e le pratiche segrete del matrimonio mistico e del risveglio
Jalal Al Din Rumi, L’amore è uno Straniero

Pagina Facebook: Cecilia Martino
Blog: ilmestieredeldare.blogspot.com
Twitter@shantiomartino

CapoVerdebarche

Sal, Boavista, ©Cecilia Martino

Oggi mentre facevo yoga nella mia camera, in un momento di profonda intensa connessione interiore, ho sentito queste parole “io sono la mia casa”… Provenivano dal fondo del cuore e mi hanno dato un senso di assoluta pace… So che dovunque andrò dentro me ci sarà sempre un luogo in cui sentirmi al sicuro, e anche senza nessuno al mio fianco, avrò tutta la compagnia e le cure del mondo. (Torino, 20 agosto 2015)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Comments (0)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.