Giornata Internazionale dello Yoga: come lo yoga mi ha cambiato la vita

Giugno è, ormai da tre anni, il mese che celebra la Giornata Internazionale di questa disciplina millenaria. Vi confesso cosa è lo yoga per me.

Lemure natura lemuro om meditazione

Yoga, yoga, yoga… tutti quanti voglion fare yoga, mi viene subito in mente la parodia geniale degli Oblivion di cui ho già scritto qui e vi consiglio di guardare a cuor leggero il video.  Giugno è, ormai da tre anni, il mese che celebra la Giornata Internazionale di questa “disciplina” dalle origini antichissime. E indiane, su questo non ci sono dubbi. Così come non è difficile ormai documentarsi su cosa sia lo yoga, pullulano testi di ogni tipo benché il mio suggerimento – metaforico e letterale – sia quello di tornare sempre alle Origini, cioè agli originali, almeno per chi voglia tentare di apprendere l’essenza autentica dello yoga (alcuni testi fondamentali li avevo suggeriti qui: 10 imperdibili libri di yoga).

orme shanti yoga piedi sabbia

Calabria 2011

Volendo omaggiare questa “disciplina” alla quale mi sono avvicinata da diversi anni ormai e che a me piace chiamare più filosofia o scienza di vita, ho pensato di attenermi a quanto di più diretto potessi trasmettere: la mia esperienza personale. Perché dirvi che – citando un “mostro sacro” della bibliografia yogica (Patanjali , Yoga Sutra) – lo yoga è “l’interruzione delle modificazioni mentali”, almenochè non siate già dentro questo mood, ne abbiate esperito fin dentro le cellule il senso, o vi siate cimentati anche solo per un po’ nell’arte del pranayama, non credo io possa aggiungere molto. Molto di quanto non voglia farvi apparire come pura teoria.

Per me lo yoga è stata, e continua ad esserlo, una delle avventure più esaltanti della vita in quanto la racchiude tutta, la vita, senza soluzione di continuità. Effettivamente sono arrivata al punto in cui non esiste più distinzione tra i momenti dedicati allo yoga e il resto delle mie attività. Certo, ci sono momenti della giornata scanditi dalla pratica vera e propria in cui mi dedico alla Sadhana (pratica yoga) nella sua interezza e “concretezza”: asana, pranayama, dharana e dhyana (posture fisiche, respirazione, interiorizzazione, concentrazione e meditazione).

Ma, c’è un ma…

Cecilia Martino mandala blu

Torino 2017

Il tappetino (che qui uso come metafora della tecnica yogica propriamente detta) è la palestra e il tempio, l’addestramento, quell’allenamento del guerriero che vuole testare la sua volontà e tenere sempre vivo il fuoco della passione, dell’aspirazione (tapas, agni) … ma, appunto, c’è un ma. Il mio ma è che il vero yoga inizia fuori di lì, proprio quando ci si alza dal tappetino, in quel laboratorio prezioso che è il mondo, la vita quotidiana, il corpo fisico, gli amici, i colleghi di lavoro, i familiari e tutte le persone con cui si entra in relazione.

Lo yoga per me o è integrale o non è yoga!

“Niente di glorioso o inglorioso, di sublime o di mediocre:

la conquista dell’Everest non è più importante del su e giù nel traffico quotidiano,

se ogni gesto è fatto coscientemente” (Satprem)

Potrei dirvi anche che fare yoga aiuta a mantenersi in salute a 360 gradi, sempre che siate pronti a considerare salute anche la “malattia”, e che qualcosa di irreversibile si insinua in voi fino a farvi cambiare completamente visione della realtà. Fino ad accadervi dentro, come una rivelazione, quanto lo yoga abbia molto più a che vedere con il silenzio e con il non fare.  Con l’essere yoga. Con il mestiere della resa e del dare. Quando il guerriero riposa sa che tutto si sta muovendo, dentro e fuori di lui simultaneamente. Ma per giungere a questo stadio bisogna allenarsi molto, all’inizio. Inutile negare l’importanza dell’intento e della motivazione personale. Poi tutto il resto viene da sé e non è una frase fatta o un modo di dire, almeno non per me, non lo è stato ed è la mia esperienza che sto riportando proprio perché scelgo volontariamente di sganciarmi da qualsiasi luogo comune (e ce ne sono tanti) che gravitano e gravano sullo yoga e sui cosiddetti “ambienti spirituali”. Mi fa sorridere perché… Non è forse la vita intera intrisa di immanenza divina, creatrice, vitale? Certo, anche di questo bisogna accorgersene, facendone esperienza diretta. Ricordarsi di ri-contattare chi siamo (chi siamo?) e riprendere a dialogare con lo spirito, quella parte invisibile della realtà materiale che la mente discriminante cataloga e definisce come unica realtà esistente e possibile. Lo yoga, e soprattutto la meditazione, sono in tal senso incredibili acceleratori evolutivi.

Cecilia Martino Meditazione

Sri Lanka 2015

Yoga per me è quando ti alzi la mattina e l’esistenza ti pulsa nel cuore così intensamente che ti viene da benedire pure quel colpo di tosse inopportuno che potrebbe tramutarsi in mal di gola, per esempio, ma non importa! È quando ogni cosa si riappropria della sua collocazione, fosse anche la prossima bolletta da pagare, una persona cara che scompare o il prossimo timbro sul passaporto. E’ la vita che aumenta, senza riserve. È l’unione con tutto ciò che è, quando tutto è bello e fa meraviglia, ma anche quando tutto ci sembra inopportuno, con ciò che passa e ciò che resta, con ciò che semplicemente è, esiste e ha una ragion d’essere, l’unione con la sostanza invisibile delle cose, quell’intonazione che ci fa cantare, fischiettare, ridere, piangere, pregare o anche solo… anche solo, esistere.

Yoga per me
è quando silenziosamente la vita progredisce, e si arricchisce, e lo fa chiedendomi il permesso, anche quando sembra che sia tutto già scritto. Yoga è il respiro della mia partitura scritto dalle mani divine, è l’alito del mondo che soffia dietro ogni gesto del mio corpo sacro, quando il Saluto al Sole diventa l’inchino all’universo di molteplici vite e che se anche non lo faccio tutte le mattine, non importa, il sole splende lo stesso e io sono felice. E’ quando posso serenamente godermi la malinconia del tempo che passa perché è eterno e ridere di questi ossimori che mi ricordano della coincidenza degli opposti e di come la vita sia un grande gioco. È quando viaggio, quando posto duemila foto sui miei profili Social e scherzo, ma poi sono serissima quando ringrazio l’universo a braccia aperte, e danzo con tutte le lingue del mondo e suono con tutti gli strumenti che posso perché il suono è all’origine, perché tutto è vibrazione e le mie ossa tremano e le ore sul tappetino con le mie asana continuano a farmi giocare, perché – parafrasando Nietzsche – posso credere soltanto a un dio che sappia danzare e abbia uno spiccato senso dell’umorismo! D’altronde “se sei saggio, ridi!” – diceva qualcuno.

Ibiza 2017

Che ciascuno di voi possa trovare un filo d’oro che lo unisca (Yoga = Unione) a tale Forza di Vita che si può chiamare dio, o anima, o spirito, o coscienza, o pura esistenza o vero Sé o dio ignoto o demone o angelo custode e l’elenco potrebbe durare a lungo. Insomma, che l’Innominabile possa trovare un varco sempre aperto nel vostro cuore. Perché è da lì – il cuore – che la Vita preme per trasformarsi, evolversi, non malgrado voi ma attraverso di voi.

E non c’è che una parola per dirlo: Amore.

esiste qualcosa

Esiste qualcosa che langue
nell’assenza di esistenza
quando mi soffermo su dettagli
che ancora non vedo
e si fa breccia un profumo di silenzio
ad ubriacarmi il cuore

(Cecilia Martino)

www.ceciliamartino.it
ilmestieredeldare.blogspot.it

Cecilia due mondi

ANCORA SULLO YOGA, DAL MIO BLOG

YOGA, COSA E’ LA MEDITAZIONE E COME INIZIARE
B.K.S. IYENGAR 10 PERLE DI SAGGEZZA
YOGA, COME INIZIARE E PERCHÉ
YOGA: KARMA, L’EFFETTO DELLA SCELTA
YOGA KUNDALINI SHAKTI E L’ENERGIA DEL RISVEGLIO
IL LINGUAGGIO NASCOSTO DELL’HATHA YOGA
ECUADOR, PACHAMAMA E YOGA ANDINO
YOGA INTEGRALE, COME FARE QUANDO VA TUTTO MALE

Cecilia Martino Parco Valentino fontana

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *