La Tenda Rossa – condividere e ritrovarsi.

tenda rossa

Ho dei vividi ricordi di infanzia in cui le signore, soprattutto la sera, sbrigate le loro faccende quotidiane, si ritrovavano sotto le scale di casa a chiacchierare e “prendere il fresco”.

Queste chiacchiere avevano il valore del riposo, della condivisione, del pettegolezzo forse… anche… io le definirei più di “aggiornamento”.

Di  “quello spazio” in questo momento, come donna in cammino e come donna in assoluto, sento terribilmente la mancanza; quel bisogno è dentro di noi, come se fosse impresso nelle nostre cellule, è  il bisogno di condivisione, di supporto, di confronto, di quel sostegno che solo un gruppo di donne sa dare è bisogno di ritrovarci, di tornare a “sentire”, di riprenderci quello che il tempo e le mutazioni sociali ci hanno strappato e aggiungerei, dolorosamente.

Le donne si incontravano per parlare della giornata, dei figli, per ridere o piangere insieme, condividere le ricette o semplicemente per stare insieme senza distinzione di età, quello era un momento in cui contava solo “stare”.

Oggi possiamo ritrovare, o meglio, ricreare questo spazio creando una Tenda Rossa.

La Tenda Rossa è un luogo di ritrovo e condivisione tra donne la cui origine si perde nella notte dei tempi.

Anticamente era una pratica diffusa in numerose etnie; le donne si riunivano, in un luogo intimo e protetto, sia nei giorni del sangue che non, per coccolarsi, rigenerarsi, per condividere saperi ed esperienze, tramandare conoscenze e onorare la ciclicità del proprio corpo, spesso erano luoghi dove si tramandavano le storie del loro popolo per non perderne il ricordo.

Un tempo la donna era in perfetta armonia ed unità con i ritmi della luna e delle stagioni era usanza celebrare nelle Tende Rosse, i riti di passaggio come la nascita, la prima mestruazione, la menopausa, il matrimonio, la morte ecc. Le donne si concedevano momenti di riposo e riflessione  e l’importanza di questi momenti era riconosciuto come valore dalle comunità ed assumeva un valore di sacralità e di impatto sulla vita di tutti. L’avvento di una società di tipo patriarcale ci ha portato la paura della disobbedienza e lo spazio sacro di condivisione è andato perso.

Ora possiamo ricominciare a ritrovarci, innanzitutto in una nostra Tenda Rossa personale, che è molto facile da allestire, bastano stoffe, cuscini, candele, potete riciclare le cose che avete in casa, basta che siano di colore rosso. Concedetevi 10 minuti ogni giorno per ritirarvi nel vostro spazio sacro, chiedete a chi vive con voi che non vi disturbino e rispettino questo vostro breve momento. Preparate poi la vostra scatola rossa, per i giorni del sangue, in cui potrete mettere il vostro libro preferito, la tisana che più amate e quel dolcetto che non osate concedervi spesso, perché in quei giorni, potrete tutto!

Chiunque può contribuire alla creazione di una Tenda Rossa perché è un luogo che ci appartiene da sempre, per nostra natura, dopo aver sperimentato la Tenda Rossa personale, quando vi sentirete pronte, potrete aprire anche alle altre donne, amiche, parenti…

All’interno di una Tenda Rossa ,che può essere indetta anche una volta al mese ad esempio nei giorni di luna piena o luna nuova o nel giorno più comodo alle partecipanti, potrete decidere di incontrarvi per discutere argomenti di interesse comune, conoscenze, saperi; potete vedervi per condividere un tè, per cucinare nuove ricette, tessere o dipingere, potete decidere di vedere un film e commentarlo insieme, vale tutto, tutto quello che possa portare ogni donna a sentire e riconoscere nuovamente la propria vera identità. Potete chiamare esperte in materia di argomenti di interesse comune come ad esempio una ginecologa o una psicologa per parlare di menopausa o utilizzare gli incontri per le celebrazioni della ciclicità femminile (menarca, menopausa), per festeggiare addii al nubilato, matrimoni, perdite o nascite o vedervi semplicemente per stare insieme.

Cerca la Tenda Rossa più vicina a te e se non la trovi, vuol dire che tocca a te! Prova….comincia…e ti accorgerai di quante donne non aspettano altro da tempo e, se ti va o hai bisogno di un confronto, non esitare a contattarmi.

Bruna Fiorini

Moon Mother 2 – Master Reiki – Red Tent Activator (metodo DeAnna L’Am)

IMG-20180521-WA0086 (1)immagine e testo di Greta Agosti

“Tenda Rossa” rappresenta un cerchio di donne, dalla più anziana alla più giovane, legate dal filo rosso della sorellanza. Un cerchio in cui ognuna può imparare e trasmettere a sua volta alle altre senza dare peso all’età. Il filo rosso si intreccia nei loro capelli per radicarsi al nucleo pulsante della terra, rosso brillante come il suo cuore, come il primo chakra, come il sangue mestruale.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Comments (1)
  1. nike 20 giugno 2018

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.