Barbara Archive

Sort Posts by:

Estetica dei luoghi e dell’anima

Abito vicino alla pianura Padana, la guardo dalla mia casa, leggermente in alto sull’orizzonte, e i miei occhi provano, ormai da troppo tempo, un malessere insopportabile. I paesaggi li osservo con attenzione, predisposizione naturale lo confesso, ma le parole e le pagine di molti libri hanno dato

Tu dici flessibile

  Tu dici flessibile di chi si adatta o sa cambiare, di chi si trasforma e si reinventa, di chi muta rapidamente e si mette in gioco. Tu dici flessibile anche di chi non resta immobile, di chi non si ferma e continua a cercare, di chi

Protestare: l’esempio di Yossl Rakover

Yossl Rakover è il protagonista di un breve racconto di Zvi Kolitz, uno scrittore ebreo della Lituania che, nel 1946, ha pubblicato Yossl Rakover si rivolge a Dio. Il racconto descrive le ultime ore di Yossl, un ebreo polacco nascosto in una casa di Varsavia sotto l’assedio

Io non so, ma per fortuna lo so

Come insegnante cerco di educare al dubbio. Sarà perché, quando ero una studentessa, ho molto apprezzato quegli insegnanti che mi hanno mostrato l’importanza di fare buone domande sulle cose, per provocare dubbi sulla realtà. E sarà anche perché come persona non smetto di interrogarmi. Il percorso dell’insegnamento

A un giardino somiglia il mio libro

Quasi tutti i popoli raccontano che il giardino è il luogo d’origine dell’uomo; per molti è anche il luogo di arrivo. Il termine giardino ha radici antichissime: una fra tutte la parola greca kepos, intesa come recinto protetto e anche grembo materno. Il kepos greco descriveva un

Libri come porte

Come insegnante apro porte. Lo faccio di continuo, è il mio modo di stare in aula. Ci sono insegnanti di tanti tipi, io sono il tipo-porta. Alla quantità di dati e alla dimostrazione egocentrica delle conoscenze, preferisco la costruzione di percorsi di saperi che amo raccontare, di

Essere senza intenzioni

Tempo fa ho posato il mio sguardo laico su un testo filosofico di Romano Guardini, Virtù. Qualcosa in quelle pagine mi parlava concretamente, al punto che anche oggi, tra le parole di quel pensatore, trovo la conferma di una mia riflessione critica verso alcuni atteggiamenti che, mi

Il bianco che racconta

Nei libri il bianco della pagina che circonda le parole ne potenzia la forza comunicativa. Le pagine sono anche un progetto grafico e visivo fatto di pieni e vuoti, neri e bianchi, densità e aria. In questo quadro il bianco è per me pausa, riposo, margine e

Quante volte sei stata a Parigi? Più di 1000 pagine

Parigi l’ho visitata seriamente una sola volta. Attraversata altre tre. Ma la conosco intimamente da almeno 25 libri e più di 4250 pagine. L’ho abitata, annusata e attraversata seguendo il Maigret di Simenon, il mio personalissimo Virgilio, che ha allargato i confini del mio esistere, fisico e

Parole per andare a Nord

Quando viaggio amo andare verso Nord. Più a Nord di qui, di questa fetta di pianura Padana che abito. Ancora non so se questo mio appassionato andare sia in me da sempre. Di certo so che il mio viaggiare si è nutrito di tanti autori e di