km 00

Nel viaggio risiede l’andata ed il ritorno, la ricerca e la meta. Da pochi anni ho scoperto la gioia di viaggiare anche fuori da me ed il dono prezioso é arrivato in terra straniera. Il primo viaggio senza famiglia, quello che ti fa sentire grande, oltre ogni limite di età, quello che rappresenta lo “Start” emozionale. Avevo sognato quel viaggio dall’età di 18 anni ed i Passi tra la Terra ed il Cielo, il percorso sulla Via Lattea, alimentavano dentro di me tante domande e, l’attesa delle risposte, era un misto fra gioia e paure. Il primo grande insegnamento é arrivato dal Tempo, quello della stagione che ha accolto il mio Sentire ancora così aspro e la sensazione di poter viaggiare senza peso, con lo zaino così pieno alla partenza e così vuoto al ritorno. É in quello zaino così “Pieno di Vuoto” che ho trovato la mia Casa. Vivevo nella piena separazione del mio Essere, il mio Corpo (ancora non consciamente Sacro), trasportava la mia Anima (semi-dormiente) così assetata di Tracce e Segni. I miei piccoli ed immensi Passi, quelli del Cuore, mi hanno portato il Risveglio del Sacro Sentire, piena di Gratitudine e di Stupore, davanti a quel km 00 ho scoperto che: “Io Sono, la mia casa”. Nuove Sinapsi piene di ataviche conoscenze ed esperienze di vite e lingue diverse erano tutte lì, ad Accogliermi e a regalarmi lo Stargate del Tempo e dello Spazio. Immersa dall’Energia travolgente dell’Oceano, lí dove un Tempo finiva il Mondo, Iniziava la mia Storia. “Io Sono la mia Casa”, perché sono nel Tutto ed il tutto é in me. Questa nuova Consapevolezza, ancora oggi, prende Spazio e Vita nei miei giorni, lottando contro un quotidiano che sa di Condizionamenti e Aspettative. Se siamo fortunati, passiamo Solo la prima parte della nostra vita a rincorrere ruoli e facciate che, sinuosamente tramandate nel tempo, sembravano essere Scopi di realizzazione. Se siamo Ri-svegliati utilizziamo la seconda parte della nostra vita per Amarci, Conoscerci e Perdonarci. Siamo meravigliose “Case” arredate con preziosi dettagli, perché il nostro Corpo Sacro é espressione della Bellezza della Creazione, della non-separazione. Siamo Spazi immensi, perché attraverso il nostro Sentire Ri-svegliato possiamo Essere ovunque ed in compagnia di ogni Anima. Ci illudiamo di Camminare da Soli ma é solo un rimasuglio delle antiche credenze, quella falsa libertà che nutre l’Ego e centuplica le deviazioni di percorso. Da quando vivo nella Consapevolezza Armoniosa di Sentirmi la mia Casa, riconosco in me le sfumature delle altre Anime e, come in una gioiosa festa, si fluisce in Cerchio,  la danza dell’Amore. Chiudiamo gli occhi e respiriamo il nostro Essere Sacro e ripetiamo mentalmente “Io Sono, la mia Casa, Io Sono, la mia Casa, Io Sono, la mia Casa”. Restiamo per qualche attimo in ascolto delle sensazioni, con gli occhi chiusi e Contattiamo la parte più intima di noi, lí Ri-Sentiremo il nostro scopo vitale emergere e fluire, Final-Mente nell’Amore.

Cinzia Onorati.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail