images-14

Alice: “Per quanto tempo è per sempre?”

Bianconiglio: “A volte, solo un secondo”.

(Lewis Carrol)

Tra le infinite domande dell’Anima, arriva la richiesta di Spiegare come sia in grado di Superare un dolore. Non è una Voce fuori-campo qualsiasi, ho scelto di Essere in quel Cerchio e quindi ho già Scelto di approfondire questo argomento. Cerco nella mia memoria un dolore grande, di quelli che lasciano la stretta in mezzo al petto anche solo a rammentarli… Immagini sfocate e parole distorte arrivano al mio Qui ed Ora. Come mai trovo così difficoltà a pensare ad un dolore? Forse perché il dolore l’ho vestito di un abito nuovo: la Prova!

La cattiva notizia è che il tempo vola.

La buona notizia è che sei il pilota.

(Michael Althsuler)

La Prova Suona meglio al mio Sentire, riesco persino a ricordare, ri-vedo più nitido e odo meglio quelle parole che, in ogni caso, non utilizzo più. Guardarsi indietro non è poi così facile quando il Maestro Tempo ci ha donato nuovi strumenti, quelli che non ti fanno pensare neanche al futuro, di quelli che si Nutrono solo dell’Eterno Presente. Avverto un certo smarrimento, di quelli che allontanano l’attenzione dal Sentire e la portano al Mentale, sempre pronto a subentrare e a prendere il comando. Arriva così dal Tempo Passato l’immagine di me in macchina che, nell’atto di cercare un parcheggio, Guardavo l’Orologio.

id477655_1

La Visione del gesto è stata accompagnata da un sofferenza alla zona addominale fino a far pulsare l’organo padrone della rabbia e del rimugino: il fegato! Sempre nella Visione di me avevo alle orecchie l’auricolare da cellulare e l’eco di una conversazione “amara” era ancora forte. Nel ricordo, l’immagine era proiettata come una scena di un film, spettatrice di me, mi osservavo come un ospite di quella macchina, seduta sul sedile posteriore. La Visione si faceva interessante, stavo Osservando da un’altra Angolazione quel Attimo di Tempo già Vissuto.

images-10

Occorrenza di Circoscrivere!

Occorrenza di Circoscrivere: affermazione apparentemente tecnica e mentale, realmente un Decreto Nuovo, portatore sano di Coraggio, Consapevolezza e Realizzazione. L’Orologio è l’Archètipo del Tempo, è la struttura preesistente e primitiva di un pensiero che prende forma nella materia; l’orologio lo portiamo al polso a “portata di mano”. Osservo, Guardo, Ascolto e mi Alleno a Lasciar Andare, all’Abbandono… lascio Fluire. E’ capitato troppo spesso, in passato, di rimuginare sopra un problema (ancora non era una Prova) e più pensavo e più aumentava il dolore.

Il tempo fluisce in modo uguale per tutti gli uomini.

E ogni uomo galleggia nel tempo in maniera diversa.

(Manuel Neila)

La sofferenza non è altro che non Riuscire a Vedere l’altro aspetto, nascosto dietro inesauribili condizionamenti, azioni e schemi ripetuti all’infinito… Eppure noi Siamo già Oltre ma non lo Ricordiamo e quindi non lo possiamo, ancora, Abitare. Inizia così l’allenamento duro del Nutrire l’Anima, sì perché è proprio un alimentare i nostri Pensieri di sfumature nuove e di colori diversi. All’inizio impiegheremo mesi, settimane, giorni, ore ed infine minuti, attimi… Respiri e Tutto (quel Tutto) sarà trasformato. Sì, Guardo l’Orologio e Circoscrivo.

Solo così mi Sento Libera di Ri-tornare a Me e di dare un Senso Nuovo all’Esperienza che ho già scelto di Accogliere. Mi Regalo Tempo, mi Regalo l’Eterno Presente.

Voi occidentali, avete l’ora ma non avete mai il tempo.

(Gandhi)

Cinzia Onorati

 

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail