Nella Bellezza della Pienezza Interiore, tutto si mostra in Accordo con Intelligenza Universale; quel meraviglioso Gioco che a noi viene presentato a noi come Vita. Rigorosamente attenti a quel che arriva dal nostro Fuori, incaselliamo le Informazioni in tanti fascicoli, memorie ataviche di retaggi ormai demodé eppure ancora duri da mandar via. Eccoci quindi alle prese con le nostre Emozioni, pensando che tutto possa Ricondurci al Ruolo, il nostro Ruolo! Del resto, fin da piccoli, ci viene chiesto cosa vogliamo fare da grandi, quanti figli vogliamo avere, come sarà la nostra casa, per quale partito voteremo, quale macchina guideremo e cosa lasceremo (e a chi) in eredità i nostri averi.  Tutto sembra già stabilito, preconfezionato e persino venduto.

bicchiereameta

Il “bicchiere” è già lì, pronto da Usare, eppure non riesciamo a decidermi… è “mezzo pieno o mezzo vuoto“? La memoria associa ad una tale espressione la netta discrepanza fra il “positivo” ed il “negativo”. Dove Sono, Io, Ora? La vista del Cuore è attiva o lascia spazio, ancora a quella della Mente? “L’Eterna ricerca dell’Uomo” è il titolo di un libro, capolavoro, di Paramhansa Yogananda. Lui  ci fornisce suggerimenti per trovare in Se stessi la fonte di ogni Gioia e Appagamento.

Come si può uscire da qualsiasi forma di “Ruolo”? Questo Ora ci viene chiesto. Lasciare andare quello che non siamo Stati, quello che saremmo voluti essere per Incontrare, finalmente, la parte più intima di Noi: il Vuoto/Pieno.

tramonto

Quanta Pienezza in questo Vuoto che si Riempie di Emozioni, Colori, Profumi e Conchiglie, di quelle grandi raccolte sulla spiaggia di Deauville, dove il sole della Normandia tramonta alle 22,30, dove per arrivare all’Acqua cammini, cammini e ancora cammini… Sono Passi che ti portano a Contemplare la Bellezza della Creazione, sono i Sensi che Esplodono e vibrano, sono i piedi sulla Sabbia e il Vento sul volto. Tutto allora diviene Musicale… diceva Paramahansa Yogananda: “L’amore è il canto che l’anima innalza a Dio”.

hqdefault

Nel Vuoto che si fa Pieno, il Respiro trova il senso di un Primo Respiro, come se Tutto fosse il “nuovo” che si manifesta nel Nuovo! Apro le Braccia al Cielo, le porto in alto e poi indietro, come si attende un abbraccio che profuma di Miracolo, chiudo gli occhi e la Voce interiore, decisa e profonda emette il Suono: “Io Sono il Vuoto ed il Pieno, Io Sono l’Amore”, “Io Sono il Vuoto ed il Pieno, Io Sono l’Amore”,”Io Sono il Vuoto ed il Pieno, Io Sono l’Amore”.

Cinzia Onorati

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail