L’Amore è un Profumo evocato magicamente dal Ricordo, dalla Presenza e dal Desiderio.

E’ la massima espressione “dell’Amore Dentro e dell’Amore Accanto”.

Quante volte un Profumo ha teletrasportato il nostro Essere Tutto in un Tempo già vissuto o da Vivere, in altre Terre e altri Spazi, persino in altri Cieli. Si, perché il Cielo ha un suo profumo, forse indefinito a Parole ma la sua Vibrazione e la sua Frequenza dona il Fremito dell’Amore che attraversa persino i Portali del Tempo, si fa Creazione e poi Concretezza.

Arde e Muore per poi Rinascere e Accarezzare la Logica della Mente per accompagnarla alla Logica del Cuore. Un eterno gioco fra Mani che si cercano e Petali sui Passi preziosi di un’Anima in Cammino. Non c’è Fragranza d’Amore più intensa di un Profumo che fa Fremere la nostra Anima e Rigenera quel gusto Sacro nel Corpo nostro e dell’Altro.

L’Altro diviene Potere del Profumo Incarnato…

L’Amore stravolge persino le nostre difese e così, come d’Incanto, un altro Corpo e un’altra Anima divengono “Scrigni preziosi” di Emozioni e tanto Sentire. Doniamo a loro quel Potere di Arrivarci anche quando la Voglia ha chiuso la porta, quando il Cuore Recupera, quando i Sensi Riposano, quando il Silenzio è l’unico linguaggio scelto…

Nello Yoga Rivive nel rituale Tantrico, dove persino il Respiro che sfiora ogni angolo del Corpo profuma di Creazione. Rivive nel Bhakti Yoga, Devozione/Amore/Unione di quel Sentire che Illumina l’Asceta Spirituale. Rivive nell’ardore della Transverberazione di Santa Teresa d’Avila che, guidata dall’Angelo incontra il suo Sposo. Rivive nella Forma di un Tao, dove lo Jing fa l’Amore con lo Jang, dove il Nero sceglie il Bianco, dove 2 numeri Sacri accoppiano i Corpi nella danza dell’Amore.

L’Amore ha il suo Profumo: 69 Stefano Bongarzone!

L’Atman incontra i petali dell’Eros ed ora tutto è …

una miscela di agrumi e spezie come limone, scorze di cannella e chiodi di garofano, avvolte e immerse in un cuore d’ambra, vivaci come il gelsomino sambac e profumate come il geranio, il tutto si chiude con la persistenza del patchouli, l’essenza di muschio di quercia, la tenerezza della vaniglia, la determinazione della fava tonka, la dolcezza del caramello e la sensualità del muschio” (Stefano Bongarzone).

Mi arrendo alle Parole di un Profumo che è solo Amore e Scelgo di Indossarlo perché Spoglia il mio Corpo dagli abiti e lo Veste di Rose, perché Accentua quell’Ardire che Incontra l’Osare e nella Resa Attiva Respiro la sua Fragranza e mi Ripeto “Profumo d’Amore”, “Profumo d’Amore”, “Profumo d’Amore”.

15965613_1343412732397927_4454913045101610038_n

Grata a Stefano Bongarzone per aver inebriato anche i Miei Passi d’AMORE, così Ora AMO!

A Voi la Scelta di Osare un simile Viaggio.

Cinzia Onorati.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail